Web Design, SEO & Social Media Marketing

Cerca
Close this search box.

Le Aziende e i Social Media: maggiori investimenti in Produzione Video

Gentili lettrici, gentili lettori di NBWEb.it, oggi torniamo a parlare di Social Media e di come i contenuti influenzeranno il panorama dei Social.

Vi siete mai soffermati a pensare che le aziende stanno investendo sempre di più sulla produzione video? Se infatti ci fermiamo un attimo a riflettere, le tendenze attuali indicano che le aziende stanno investendo davvero e sempre di più nella produzione di video, come si evince dall’esplosione di contenuti video di breve durata su piattaforme come TikTok, Instagram Reels e YouTube Shorts. In breve: la domanda di video verticali è aumentata esponenzialmente. Soffermiamoci quindi su questo particolare aspetto.

Oramai si sa: i marchi hanno bisogno di contenuti video, da diffondere su ogni piattaforma e canale, ed è bene dire che se fino a non molto tempo fa realizzare video significava solo creare contenuti istituzionali o spot TV, oggi, nell’era dei Social, questa tipologia di contenuto è molto più accessibile e diversificata sia in termini di formato che di contenuti.

Produzione Video

Video Marketing: ecco di cosa si tratta

Se dovessimo identificare il reale fattore utile oggi per implementare il successo, diremmo senza ombra di dubbio che si tratta di far leva sulle emozioni e sull’immediatezza del messaggio soprattutto se si tratta dei canali di comunicazione digitali. La prima domanda che vi vogliamo porre è: ma quanto vale realmente un video?

Il valore di un video dipende dalla capacità di suscitare emozioni e trasmettere un messaggio immediato, specialmente su piattaforme digitali. Ciò che sta alla base del video marketing per le aziende, quindi, implica la diffusione attraverso i canali di comunicazione di un’azienda, con svariati obiettivi. A seconda dell’uso che si fa del video, e del taglio che si vuole dare al contenuto, è possibile anche potenziare la awareness, le interazioni, l’engagement e persino le conversioni.

Vediamo perché il video marketing è diventato così cruciale:

  1. Video Corporate: I video aziendali, noti anche come video corporate, sono diventati un investimento indispensabile per qualsiasi azienda. Questi contenuti servono a rappresentare l’identità del business, comunicando i valori e i punti di forza del brand. In altre parole, sono un vero e proprio “biglietto da visita” attraverso il quale l’azienda si presenta al pubblico.
  2. Coinvolgimento degli Utenti: Il video è un potente strumento per coinvolgere gli utenti. Grazie alla sinergia tra elementi visivi e sonori, i video catturano l’attenzione fin dai primi istanti e rendono il messaggio più coinvolgente e memorabile.
  3. Posizionamento su Google: La qualità e la rilevanza dei contenuti video possono migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Circa il 41% degli acquirenti contatta l’azienda dopo aver visto un video di un brand.
  4. Brand Awareness e Reputazione Online: Le persone ricordano i video che hanno visto nell’ultimo mese. Immagini e suoni rimangono impressi rispetto al testo, contribuendo all’aumento della brand awareness e della reputazione online.
  5. Video Virali: I contenuti video virali si diffondono a costo zero. Quando le persone apprezzano un video, tendono a condividerlo, aumentando la visibilità del brand.

Quindi, il video marketing dispone davvero di un altissimo potenziale perché può essere utilizzato per qualsiasi cosa, dalla creazione di rapporti con i clienti alla promozione di marchi, servizi o prodotti, anche in ottica how-to e tutorial o ancora per promuovere testimonianze dei clienti, eventi in live streaming, webinar e formazioni.

P.S. avevamo già anche parlato dell’utilizzo dei Social Media come strumento di Servizio Clienti.

Produzione Video: tipologia e modalità

Come sappiamo, il video rappresenta il formato di contenuto che sta dominando molti canali promozionali: come dimostrano tante ricerche che mostrano come a livello internazionale gli utenti vogliano vedere principalmente contenuti video da parte dei brand, seguiti come preferenza dalle e-mail o newsletter, dalle immagini e dagli articoli di Blog. Inoltre è bene dire che il 90% degli utenti afferma che i video li aiutano a prendere decisioni sull’acquisto.

Oggi, seppur possa sembrare molto dispendioso, è essenziale capire che per la maggior parte degli utenti, più un video è semplice e immediato, più il contenuto sembra autentico, quindi, la produzione video non è più così high-spending. Se pensiamo che potreste girare i vostri video con uno smartphone o una reflex…

Se però volete un lavoro fatto “come si deve”, potrete affidarvi a realtà specializzate in questa attività, che realizzano contenuti freschi e impattanti a misura di social con budget abbordabili. Parlando invece dei contenuti, va detto che un contenuto video di maggior valore risulterà essere più “umano”; ad esempio introducendo persone che lavorano in azienda con maggiore frequenza, il contenuto risulterà essere meno pubblicitario e quindi meno promozionale.

Ecco alcune delle principali categorie che possiamo considerare in fase di produzione video:

  1. Video Dimostrativi: Questi video mostrano come funziona un prodotto o servizio. Sono utili per illustrare le caratteristiche e i vantaggi in modo chiaro e coinvolgente.
  2. Brand Video: I video aziendali rappresentano l’identità del brand. Possono essere utilizzati per comunicare i valori, la storia e la missione dell’azienda.
  3. Video di Eventi: Registra eventi aziendali, fiere, conferenze o workshop. Questi video possono essere utilizzati per promuovere futuri eventi o condividere momenti significativi con il pubblico.
  4. Interviste agli Esperti: Realizza interviste con esperti del settore. Questi video aggiungono autorevolezza e forniscono informazioni preziose al pubblico.
  5. Video Didattici e Dimostrativi: Spiega concetti complessi o fornisci istruzioni passo-passo. Sono utili per l’educazione del pubblico.
  6. Video Esplicativi: Questi video illustrano processi o procedure. Sono spesso animati e semplificano argomenti tecnici.
  7. Video Animati: Utilizza grafica animata per raccontare storie o spiegare concetti. Sono coinvolgenti e adatti a diverse piattaforme.
  8. Case Study e Video Testimonianze dei Clienti: Mostra casi di successo o testimonianze reali. Questi video aumentano la fiducia nel brand.
  9. Video in Diretta: Trasmetti eventi in tempo reale su piattaforme come YouTube o Facebook Live. Coinvolgi il pubblico e rispondi alle domande in diretta.
  10. Video di Realtà Virtuale e a 360 Gradi: Offri esperienze immersive. Questi video sono ideali per settori come il turismo, l’immobiliare o l’educazione.

Quindi, come vedete, le possibilità sono davvero numerose ed il limite è solo la nostra fantasia. 😊

Tuttavia, prima di iniziare le riprese, è essenziale determinare il tipo di video da creare in base ai canali che si hanno a disposizione e, soprattutto, all’obiettivo di marketing che ci si pone. In conclusione potremmo dire che il video non ha solo trasformato il modo in cui le aziende commercializzano e i consumatori acquistano; ha anche rivoluzionato il modo con cui i venditori si connettono e convertono i potenziali clienti e il modo in cui i team di assistenza supportano e aiutano i clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.